Implantologia

adin1Perché oggi si parla tanto di implantologia dentale?

La moderna odontoiatria ha reso possibile il ripristino del benessere, della funzionalità e dell’estetica anche per soggetti che presentano mono-edentulie o edentulie parziali e totali proprio attraverso le tecniche di implantologia dentale. Gli impianti non sono solo dei perni ma delle vere e proprie protesi in titanio che vengono impiantate nell’osso e sulle quali vengono poi posizionati i denti di sostituzione.

Gli impianti vanno bene per tutti?

L’implantologia non è sempre possibile, occorrono determinate condizioni affinchè gli impianti abbiano successo e garantiscano a voi benessere e ripristino delle funzionalità masticatorie ed estetiche.
Sono infatti controindicati nei soggetti con patologie specifiche quali tumori, problematiche epatiche, cardiovascolari, trapianti o disturbi psicologici e psicosi quando queste malattie si presentano a gravi livelli; e impossibili quando la diagnosi radiologica evidenzi osso insufficiente e impossibilità di eseguire un innesto.
Perciò se pure è vero che le moderne tecniche di chirurgia orale hanno ampliato il numero dei casi in cui è possibile eseguire l’aumento dei volumi ossei tramite innesti prelevati dal paziente stesso, è pur vero che la valutazione di intraprendere una terapia piuttosto che un’altra, ad esempio l’uso di un ponte, non deve essere una scelta “di moda” ma legata alla funzionalità e alla garanzia di riuscita del trattamento.

astracaricoimmediatoPerché devo aspettare tanto per un impianto? Non si possono ridurre i tempi di attesa?

L’implantologia di Scuola Svedese, legata al concetto di osteointegrazione, indica come imprescindibile, per la buona riuscita della terapia, l’utilizzo di impianti con carico differito, con tempi di attesa che vanno dai 4 mesi nell’arcata inferiore e ai 6 mesi per quella superiore.
Moderni studi scientifici, tuttavia, hanno dimostrato che nell’arcata inferiore è possibile ridurre i tempi di attesa, mentre per quella superiore non c’è evidenza scientifica sufficiente per garantire il successo del trattamento. La tendenza attuale è comunque quella di ridurre di qualche mese i tempi di attesa indicati nei protocolli scientifici.
Ci sono tuttavia casi in cui è possibile effettuare il cosidetto carico immediato. Si tratta di un intervento che permette di impiantare denti fissi in tempi molto brevi che vanno da diverse ore a pochi giorni. La scelta della terapia spetta sempre e comunque all’implantologo, ma sappiate che l’attesa è necessaria al fine di integrare la protesi e garantirvi la riuscita dell’intervento.

torontoE se non ho più denti possono comunque mettere degli impianti?

Sono molti i pazienti che ci chiedono, perché magari non vogliono più portare una protesi mobile, o la sentono instabile e non adatta al loro stile di vita cosa è possibile fare per sostituire la vecchia “dentiera”.
In effetti è possibile utilizzare l‘implantologia come supporto alla protesi, esistono diverse tipologie di protesi su impianti quali ad esempio la Toronto Branemark Bridge e l’All on 4.
Esse prevedono l’inserimento nelle arcate di impianti di supporto su cui posizionare successivamente la protesi fissa, il risultato ha una valenza estetica molto alta e una masticazione come con denti naturali, oltre ad essere di facile pulizia e removibile dal dentista nel caso si effettui una pulizia professionale o si verifichino problemi agli impianti.

fda-food-qualityPerché girovagando su internet trovo tanti prezzi diversi riguardo l’implantologia?

L’apertura dei mercati e l’espansione dell’offerta anche nel settore dentale, ha ampliato la possibilità di scelta sia per i dentisti che per i pazienti. Il dentista può scegliere se utilizzare impianti a buon mercato marchiati solo CE senza certificazione FDA (Federal and Drug Administration) ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici e la cui certificazione richiede controlli rigidi e continuo monitoraggio post-commercializzazione, con corone realizzate in cina o in romania, magari realizzate con materiali non stratificati e non certificati, offrendo un servizio più economico del quale tuttavia il paziente deve essere messo a conoscenza, perché stiamo parlando di medicina, di chirurgia e soprattutto della sua salute ed è lui che deve fare una scelta consapevole.
Molto spesso invece il paziente non può scegliere: la mancanza di informazioni e di trasparenza da parte dell’odontoiatra lo porta a fidarsi del prezzo, senza che egli sappia davvero che rapporto sussiste tra ciò che realmente sta risparmiando e quello che sta spendendo. In altre parole, come dicevano le nonne, aprite gli occhi perché nessuno vi regala niente.
Nel nostro studio utilizziamo solo impianti certificati FDA e le corone sono realizzate da laboratorio odontotecnici italiani.
L’intervento viene eseguito in campo sterile da personale qualificato e in continuo aggiornamento e tutta la strumentazione utilizzata è sterilizzata secondo i protocolli previsti dal Ministero della Salute.

Autore: Dott. Giuseppe Pavone – odontoiatra
Ultima modifica: 15 09 2013